“Mandragola” di Niccolò Machiavelli: riassunto trama

Mandragola, Niccolò Machiavelli, riassunto, tramaLa Mandragola è una «commedia in cinque atti di Niccolò Machiavelli (1469-1527), composta probabilmente verso il 1519 e rappresentata forse nel Carnevale del 1520 a Firenze. L’argomento, che riecheggia temi remoti della leggenda e riassume modi recenti della novellistica, s’annoda intorno a una beffa che a messer Nicia Calfucci, marito della bella e onesta Lucrezia, gioca l’innamorato Callimaco: Nicia, vecchio e ricco e stolido e credulone e vago di parere esperto del mondo, vuole a ogni costo, dopo anni di sterili nozze, avere un figliuolo; lo accontenterà Callimaco, fintosi medico, con l’aiuto del parassita Ligurio, di frate Timoteo, della madre stessa di Lucrezia e di una pozione di mandragola; e poiché la mandragola avvelena chi primo avvicina la donna che l’abbia bevuta, rapiranno nottetempo uno sconosciuto giovane (è il travestito Callimaco) e lo porteranno in camera di Lucrezia. Qui Callimaco si rivela e implora perdono e amore. “Poi che l’astuzia tua”, risponde Lucrezia “la sciocchezza del mio marito, la semplicità di mia madre e la tristizia del mio confessore mi hanno condotta a fare quello che mai per me medesima avrei fatto… io ti prendo per signore, padrone, guida. Tu mio padre, tu mio difensore, e tu voglio che sia ogni mio bene”.

La conclusione volonterosa e appassionata di Lucrezia, che accetta il male che le è imposto e, non senza un sorriso di malizia ribelle (“io voglio iudicare che e’ venga da una celeste disposizione che abbia voluto così, e non sono sufficiente a recusare quello che ‘l cielo vuole che io accetti”) percorre animosamente la nuova strada dove le tocca di camminare, prolunga in un nuovo tono e in un nuovo amaro incanto la premessa favolosa della pozione magica e il tema cavalleresco dell’amore che vien di lontano: ma l’alone favoloso dell’antefatto e il seguito voluttuoso e coperto sono soltanto le parentesi d’apertura e di chiusura della vicenda comica, che irrigidisce in una stupenda definizione di personaggi il giuoco della burla carnale.

Ognuno di quelli, e specialmente il dottor Nicia e frate Timoteo, appartengono alla convenzione novellistica e teatrale; ma serrati come sono da un’osservazione tanto attenta da diventar crudele, si trasfigurano in potenti immagini di poesia: l’uno rimbambito dietro la sua fantasia, pur cara, ma rovesciata in un vaneggiamento cupido, in un pronto patteggiar col delitto, in una condiscendenza che, per voler essere mondanamente esperta, non si cura dei danni altrui né balordamente s’avvede dei propri; l’altro, ignaro ormai d’ogni fede religiosa, infastidito dell’incoerenza e della dappocaggine, ma attentissimo e saldo a tradurre in utilità immediata quanto d’ogni fede e fiducia sopravvive negli altri.

Né qui si ferma il commediografo: la vicenda di Lucrezia, se da un lato s’irrigidisce in un gioco esemplare di teatro, diventa anche esempio di un naufragio della moralità tradizionale e familiare, cui il moralista assiste con un melanconico e dispettoso senso di commiato.»

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link