“Trattato di pedagogia generale” di Massimo Baldacci

Trattato di pedagogia generale, Massimo BaldacciTrattato di pedagogia generale
di Massimo Baldacci
Carocci

«Il volume fornisce una trattazione organica della pedagogia, intesa come disciplina che si occupa dell’educazione e della formazione dell’uomo e della donna.

Ovviamente “trattazione organica” non significa completa o esaustiva. Una simile operazione, oltre a risultare di ardua attuazione in un singolo volume, creerebbe un assetto culturale chiuso e compiuto, laddove la complessità della problematica educativa richiede un sapere critico e aperto a continue integrazioni e ristrutturazioni. Pertanto, con tale espressione intendiamo – più modestamente – una trattazione coerente e condotta in forma (relativamente) sistematica, senza per questo dare luogo ad alcun sistema chiuso e (illusoriamente) completo. Tale organicità risulta così relativa a un certo punto di vista complessivo, sebbene articolato in piani e aspetti diversi. […]

L’oggetto della nostra trattazione sarà la pedagogia come disciplina. Il termine “pedagogia” deriva dal greco paidagogós (“colui che guida o conduce”, ágein, “il bambino”, pâis), da cui si passa per estensione al sapere sull’educazione. Assumere la pedagogia come “disciplina” ha un significato ben preciso: non ci si riferisce a un sapere puramente empirico e frammentario, ricavato dall’esperienza e dal buon senso, e capace soltanto d’ispirare una pratica intuitiva. In senso generale, una “disciplina” è un complesso di norme che regola esplicitamente una certa attività. Questo termine rinvia, dunque, a un “ordine” impresso a tale attività. Concepire la pedagogia come disciplina vuol dire, perciò, considerarla come una forma di pensiero ordinato rispetto al proprio oggetto, ossia disciplinato secondo una certa logica. […] Vista come disciplina, la pedagogia rappresenta la forma assunta dal sapere sull’educazione all’interno della comunità professionale degli educatori, e nei processi di formazione dei nuovi membri di questa comunità. In tal senso, la pedagogia assume la forma di un sapere strutturato e sistematico. […]

Il presente trattato è articolato in tre parti, intitolate alla metapedagogia, all’epistemologia pedagogica e alla pedagogia normativa, le quali cercano rispettivamente di chiarire la natura, la struttura e la logica della pedagogia, rispondendo alle domande: che cos’è la pedagogia? com’è organizzata? come funziona?

Offerta
Trattato di pedagogia generale
  • Baldacci, Massimo (Autore)

a) La Parte prima è dedicata alla metapedagogia. Si tratta del piano volto a indagare la natura della pedagogia in quanto sapere sull’educazione, e in pratica cerca di dare risposta alla domanda “che cos’è la pedagogia?”. In questa parte, esamineremo la pedagogia come sapere di senso comune e come disciplina di tipo scientifico, vista nella sua autonomia e nei suoi rapporti con la filosofia dell’educazione e con le scienze dell’educazione. E cercheremo, in particolare, di individuare i tratti di una pedagogia come scienza autonoma non di carattere puramente empirico, ma integrata da un nucleo filosofico di tipo critico.

b) La Parte seconda è intitolata all’epistemologia pedagogica. Si tratta del piano concernente la struttura del sapere pedagogico, e risponde in qualche modo alla domanda “com’è organizzata la pedagogia?”. In questa parte, esamineremo i differenti livelli del sapere pedagogico (ossia quella che chiameremo la sua ontologia regionale): dal senso comune ai concetti delle scienze dell’educazione, alle categorie pedagogiche, alle idee filosofiche sull’educazione. In particolare, cercheremo di chiarire il significato dei principali concetti pedagogici in gioco, a partire dai concetti cardine di educazione e di formazione, e di spiegare il meccanismo del processo formativo e la dinamica della sua interpretazione pedagogica. Termineremo illustrando la funzione regolativa, di sintesi unitaria, che le idee filosofiche sull’educazione possono esercitare sul campo pedagogico.

c) La Parte terza è dedicata alla pedagogia normativa. Si tratta del piano inerente alla logica pragmatica del sapere pedagogico, e cerca di dare risposta alla domanda “come funziona la pedagogia?”. In questa parte, analizzeremo la pedagogia in quanto non si limita a descrivere e a spiegare il processo formativo, ma intende guidarlo, indicando come si dovrebbe procedere per affrontare i concreti problemi educativi. Pertanto, presenteremo il modello metodologico generale della progettazione educativa, esaminando – in particolare – la questione della scelta del modello educativo adeguato alla realtà storico-sociale. E in questo quadro studieremo i due aspetti cruciali dei modelli educativi: le finalità e le metodologie educative. Termineremo questa parte analizzando la comunicazione educativa come cruciale dimensione operativa della pedagogia.»

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link