“Siate materialisti!” di Ingrid Paoletti

Prof.ssa Ingrid Paoletti, Lei è autrice del libro Siate materialisti! edito da Einaudi: quali sono le radici profondamente materiali della nostra società digitale?
Siate materialisti!, Ingrid PaolettiGli studi sulla materia hanno origini molto antiche e non hanno mai perso fascino. Nel laboratorio che coordino al Politecnico di Milano, denominato Material Balance, ci occupiamo dello studio della materia e dei materiali, cercando di capire quali possano essere gli aspetti di interesse per il cambiamento della società. Questo aspetto dell’impatto sociale è per me quello che la rende ricca di attrazione, fascino. Mentre, in passato, la materia, soprattutto per il mondo occidentale, è sempre stata concepita come detentrice di un ruolo primario e primordiale, in quanto considerata come sostanza originaria su cui tutto si sorreggeva, oggi, ci ritroviamo in un tempo in cui questa definizione non calza più bene. Un Genius materialis – ossia la caratteristica precipua di un periodo storico rispetto alla materialità – che si incrocia con una nuova consapevolezza dettata dalle minacce incombenti del cambiamento climatico e dal rischio di perdita della biodiversità del nostro pianeta. Il progresso, per quanto abbia portato all’ottenimento di risultati importanti, ci ha anche catapultato in un mondo dove i nuovi metodi digitali sbiadiscono la percezione del reale ridefinendo le categorie di oggettività e soggettività. L’avvento del digitale ha fatto sì che la materia passasse in secondo piano, in quanto non visibile, quindi considerata immateriale. Oggi tuttavia, ci si sta iniziando a rendere conto che il digitale ha penetrato il terreno con le sue radici, in quanto dietro all’invisibile si cela un alter ego cannibale dovuto alle infinte possibilità di riutilizzo dei dati digitali che consumano continuamente risorse fisiche. Un esempio di quanto detto, riportato anche nel libro, riguarda le numerose e-mail che ricevo giornalmente. Infatti, secondo Mike Berners-Lee ogni messaggio di posta elettronica lascia un’impronta di carbonio da 0,3 a 50 g di anidride carbonica equivalente. Basti pensare che io ricevo mediamente 300 emails al giorno per un totale di oltre 3000 g di CO2, cioè 1,2 tonnellate all’anno che moltiplicate per il numero di persone nel mondo ci fa capire quanto una semplice e-mail può essere causa di problemi per il nostro ambiente già in difficoltà. Credo dunque che le radici materiali siano semplicemente troppo invisibili ai nostri occhi.

Per quale approccio alla materialità delle cose passa uno sviluppo realmente sostenibile?
«Ciò che per il bruco è la fine del mondo, il mondo lo chiama farfalla». Penso che questa affermazione di Lao Tzu, riportata anche nel libro, sia il giusto incipit per rispondere a questa domanda. Ritengo infatti che l’esistenza altro non sia che un passaggio da uno stato a un altro, come possiamo vedere giornalmente da tutto ciò che ci circonda, e ogni fine rappresenti un nuovo inizio. Il nostro problema è che non ci rendiamo conto degli strumenti della metamorfosi, ossia che tutto ciò che facciamo ha delle conseguenze sulla trasformazione del mondo. Dietro ogni cosa realizzata c’è dell’altro, c’è un resto, cioè quella parte, non visibile per noi, che, la natura ci manda indietro. Tendiamo a non preoccuparci, durante lo svolgimento di un progetto, della parte che non ci serve nell’immediato e che, quindi, altro non diventa se non scarto (dal francese dechet, cioè caduto, quindi uno scarto è qualcosa che cade quando si costruisce qualcosa). Dopo anni di disattenzione, oggi gli scarti sono ovunque, in qualsiasi settore, dal digitale alla finanza, passando dal sociale. Personalmente, ritengo che un primo passo verso uno sviluppo sostenibile passi proprio dal rendersi conto che lo scarto esiste e in quanto tale va sfruttato e non abbandonato anche perché, comunque, ha avuto un costo. Per esempio: la carta che tutti noi usiamo può essere riciclata per almeno sei volte. È importante saperlo. Un secondo passo, secondo me, ha a che fare con un cambio di prospettiva: dovremmo pensare che tutto è resto, già nel tempo presente, creando un legame tra il passato e il futuro. Quindi, il problema non va risolto a valle utilizzando, acquistando o consumando continuamente nuovi prodotti “sostenibili” ma va risolto a monte portando al limite il periodo di vita di ciò che produciamo e consumiamo. Come riportato nel mio libro, alcuni esempi di nuovi prodotti derivanti da scarti possono essere: riciclo di bottiglie di vetro da cui viene prodotta la lana di vetro, riciclo dei gusci delle uova che grazie alla loro composizione chimica possono dare vita a materiali utili nel mondo dell’edilizia e dell’architettura; riciclo quasi infinito dell’acciaio. Potremmo dire che per fare un ulteriore passo verso uno sviluppo sostenibile dovremmo dedicarci a una nuova forma di ‘bricolage’. Da bricoleur, ossia colui che progetta con quel che ha a disposizione, in quanto le risorse non sono illimitate e quindi non vanno sprecate, potremmo affrontare la sfida dello sviluppo sostenibile. Un altro aspetto fondamentale per il nostro obiettivo è dato dall’introduzione della tracciabilità, intesa come la possibilità di individuare, a partire dalle materie prime che lo compongono, le varie fasi di preparazione e commercializzazione di un prodotto, e rintracciabilità, cioè la conoscenza di ogni singolo processo in dati informatici che, quindi, ci consente di conoscere ed individuare, in qualsiasi momento, anche a ritroso nel tempo, i dettagli di ogni singola fase di trasformazione di un prodotto. L’introduzione di questi due fattori permetterebbe un lento ma inesorabile progresso etico e consapevole.

Offerta
Siate materialisti!
  • Editore: Einaudi
  • Autore: Ingrid Paoletti
  • Collana: Vele
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2021

In che modo il materialismo da Lei invocato può dare slancio e progettualità al nostro futuro?
Ritengo che una nuova forma di materialismo passi attraverso la creazione di abitudini, piccoli gesti individuali che stimolano e diventano gesto collettivo. L’essere umano, infatti, si comporta secondo l’immagine che ha di sé stesso e, quindi, per cambiare le proprie abitudini deve modificare l’immagine che ha di sé attraverso nuovi modi di pensare, agire, progettare sviluppando una nuova cultura materiale. Una cultura materiale responsabile. Una volta che qualcosa entra nella nostra cultura materiale responsabile non più un prodotto/oggetto qualunque da consumare e abbandonare ma diventa qualcosa di rappresentativo. Quindi, in quanto tale, viene investito di una sacralità laica che rappresenta i valori e la visione del mondo che mettiamo nei nostri rituali, negli oggetti, in tutto ciò che ci circonda, cioè un valore positivo da salvaguardare, di cui prendersi cura e tramandare, come se questo fosse un artefatto, un cimelio vintage, un qualcosa che non vediamo più come qualcosa di passato, da gettare ma come qualcosa da conservare, per renderlo duraturo nel tempo. Ogni artefatto è da considerarsi unico e così la mia concezione di materialismo dovrebbe percepire ogni materialità come unica. Ogni materiale, dovrebbe essere considerato come qualcosa che contiene una storia al suo interno, anche grazie alla tracciabilità, in modo da non essere considerato scarto o resto. Basterebbe, quindi, riappropriarci del significato originario di artefatto, che non ha nulla di artificiale ma che, invece, è legato al suo essere il frutto di un artificio, quindi fatto con arte e, quindi, non escluso dalla natura. Il materialismo che traccio mira sfumare i confini tra artificiale e naturale, materiale e immateriale, tra digitale e fisico, generando un fecondo equilibrio tra uomo e habitat.

Ingrid Paoletti è Professoressa di Tecnologia dell’Architettura presso il Politecnico di Milano. Dottore di ricerca in Building Technology, è stata ricercatore associato presso il Massachusetts Institute of Technology. Ha fondato il gruppo di ricerca Material Balance che si occupa di tecnologie e materiali innovativi per lo sviluppo di una cultura materiale responsabile. È vicepresidente di Fondazione Politecnico e Delegato del Rettore per le relazioni Internazionali per Expo2021 Dubai.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link