Quando tutto inizia, nuovo libro Fabio Volo, trama, recensioneQuando tutto inizia è l’ultima fatica letteraria di Fabio Volo che si pone sulla scia dei precedenti romanzi e ci racconta ancora della fatica dei giovani adulti che stentano a trovare un loro posto nel mondo e ancora di più una stabilità sentimentale. Protagonista del romanzo è Gabriele, un quarantenne che vive in una Milano che non è più quella rampante degli aperitivi degli anni Ottanta ma sembra piuttosto lo scenario sul quale si muovono tutti quelli che cercano non di vivere quanto di sopravvivere. Gabriele di mestiere fa il pubblicitario ma le sue velleità e speranze di successo non si sono mai concretizzate in realtà. Non guadagna quanto vorrebbe ma piuttosto che cercare un altro lavoro e rimettersi in gioco, preferisce trascorrere il suo tempo con Luca, l’amico collega che sta per sposarsi e che agli occhi di Gabriele è un nuovo eroe perché è riuscito a superare la paura dei legami ed è pronto a pensare a se stesso come componente di una famiglia. Gabriele invece è ancora single, vive in una casa arredata Ikea dove non riesce ad occuparsi neanche delle piante – che immancabilmente muoiono senz’acqua – e dove l’unica presenza femminile è quella della donna delle pulizie. Se Luca è impegnato a fare progetti per il futuro, Gabriele invece ha ancora il tempo per frequentare le librerie. Ed è proprio in una di queste che una sera di primavera incontra Silvia ed è interesse al primo sguardo. Silvia non è giovanissima, non è bellissima, è una quarantenne o poco meno sposata e con un bambino, annoiata dalla sua vita matrimoniale. Perché per far funzionare un matrimonio non basta essere amati ma è necessario anche sentirsi desiderati. Proprio per questo motivo Silvia cede alla corte serrata di Gabriele, forse perché convinta che si tratterà di un’avventura breve che, in fondo in fondo, forse potrà fare anche bene al suo matrimonio a patto di restare circoscritta in un tempo breve e di non venir mai scoperta.

All’inizio anche Gabriele è dello stesso parere, ma a poco a poco le cose cambiano. Questo quarantenne un po’ sfigato, che non ha tempo per andare in palestra ma si fa tanti centrifugati di frutta per mantenersi in salute, si fa prendere sempre di più da Silvia fino ad innamorarsene appassionatamente, senza però rivelare subito i suoi sentimenti. Scoprire che nel mondo esiste qualcuno che ti capisce al volo, qualcuno con il quale puoi comunicare senza parole, senza pregiudizi e con semplicità, può dare davvero un’ebrezza paragonabile all’euforia di una sbronza. Ma come potersi impegnare in una relazione stabile e rivelare i propri sentimenti quando siamo tutti così spaventati e confusi da non riuscire a fare neanche la raccolta differenziata (ma alla fine, chi sa veramente in quale pattumiera vanno le bustine usate delle tisane?). La svolta della situazione arriva quando Gabriele, cercando sul web, si imbatte nel profilo Facebook del marito di Silvia. Si tratta di un uomo non particolarmente bello, non particolarmente interessante, uno di quelli che si può lasciare facilmente. Ma alla fine davvero Silvia vorrà sconvolgere la propria vita familiare per assecondare l’amore di Gabriele? Non si tratta, piuttosto, di una pausa dalla vita che nella realtà è solo un bel sogno ma che non si può trasformare nella concreta quotidianità senza perdere i contorni della favola? È a questo punto che i due protagonisti iniziano a farsi domande. Tutto è meraviglioso fino a quando è possibile chiudersi in casa, nell’anonimo appartamento di Gabriele, e lasciare tutto fuori, occupando il proprio tempo fra chiacchiere e amore, ma cosa accade quando si prova a far uscire fuori, nella vita reale, quello che fino a questo momento è stato protetto da una campana di vetro? Le cose importanti iniziano quando tutto sembra finito afferma il protagonista del romanzo nelle prime pagine. Gabriele e Silvia dovranno faticare non poco per capire quali sono, per loro stessi, le vere cose importanti.

Il romanzo di Fabio Volo è il seguito ideale di una saga iniziata con È una vita che ti aspetto. Questa volta però, i protagonisti sono meno rampanti e più rassegnati alle avversità della vita ma non per questo meno confusi. Più che essere il racconto di una storia d’amore, è la narrazione di un percorso di crescita interiore che porta i protagonisti a diventare finalmente adulti e a smetterla di pensare al proprio io per iniziare a riflettere su un noi. Il romanzo, tuttavia, ha un po’ il sapore dell’incompiuto. Infatti i personaggi galleggiano sempre in superficie, senza mai essere approfonditi o delineati nei pensieri, nei sentimenti e nelle intenzioni. Sarebbe lecito aspettarsi un pochino di più da un autore che è diventato ormai una fucina di best seller. Invece da Esco a fare due passi del 2001 a Quando tutto inizia non sembra esserci stata un’evoluzione nella scrittura che resta sempre leggera e scorrevole, ma troppo poco dettagliata per riuscire ad emozionare davvero e in profondità i suoi lettori.