Proemio dell’Iliade: parafrasi

L’ira di Achille (Iliade 1, 1-16)

«L’Iliade si apre con un proemio, una sorta di ‘porta d’accesso”. I versi proemiali indicano in genere l’argomento del canto e il nome dei protagonisti, e costituiscono la ‘protasi’ del poema (la sua ‘premessa’: vv. 1-7).

Nel primo verso il poeta invoca la divinità (la Musa che ispira il canto) e nomina il furore di Achille (causa di tanti mali per gli Achei) prima di accennare al tema che svilupperà nel corso del primo libro: la contesa sorta fra Agamennone e Achille a seguito della peste inviata al campo greco da Apollo. Per farla cessare è necessaria la restituzione al padre Crise (che di Apollo è sacerdote) della prigioniera Criseide, schiava di Agamennone, il quale pretende in cambio la consegna di Briseide, schiava di Achille: questo è l’affronto che scatena l’ira dell’eroe, la μῆνις del v. 1.

In questi primi versi il poeta deve definire i confini della sua narrazione, sia pure in maniera generica. Siamo di fronte a un motivo-guida dell’ἔπος e della poesia arcaica: attraverso l’invocazione iniziale (ἄειδε θεὰ, v. 1) il poeta chiede fin da subito aiuto alla divinità (la Musa), essa stessa invitata a intonare e organizzare il canto. Il cantore si pone dunque sotto la protezione divina, perché le Muse sono figlie di Μνημοσύνη, la Memoria: l’ispirazione che viene dalle Muse si attiva attraverso la memoria e non attraverso un testo scritto, e garantisce la veridicità dei racconti (benché a volte le Muse possano anche mentire: Esiodo). Sono loro, inoltre, le Muse che conoscono tutto, che possono far ricordare le storie di un tempo e garantire la sopravvivenza futura del canto. All’inizio dell’Iliade manca però un’esplicita menzione del poeta e l’invito al canto suona quasi impersonale (a differenza di quanto accade nel prologo dell’Odissea): anche se, come sappiamo, nell’esecuzione reale era comunque il poeta a prestare la sua voce al canto.

Attraverso il primo esametro dell’Iliade lo spettatore è collocato fin da subito in una dimensione quasi magica:
– un’ira distruttrice (μῆνιν);
– un canto (l’idea è espressa dal verbo ἄειδε);
– un poeta che si rivolge con familiarità a una θεὰ, a una dea;
– il nome di un mitico eroe che occupa ‘pesantemente’ la seconda metà del verso (Πηληϊάδεω Ἀχιλῆος).

Dunque l’ira di cui cantare è quella di Achille, figlio di Peleo, e questa ira è οὐλομένην, ‘distruttrice’, come indicato dalla posizione dell’aggettivo che la accompagna, in forte enjambement all’inizio del v. 2.

La prima parola di un poema arcaico è l’espressione di ciò che il poeta intende celebrare nel canto. Il tema dell’Iliade è perciò la μῆνις del suo eroe principale. Il termine designa la speciale ira del figlio di Peleo e costituisce un doppione del più diffuso χόλος (cfr. χολωθεὶς al v. 9). Però μῆνις è anche l’ira divina e indica un sentimento che non si limita a una collera priva di conseguenze, ma che agisce e semina, intorno a chi lo prova, morte e distruzione. La prima parola dell’Odissea sarà ἄνδρα («l’uomo», vale a dire Odisseo); le due parole poste all’inizio della letteratura occidentale sono quindi ‘ira’ e ‘uomo’: la cupa potenza distruttrice di cui l’essere umano si dimostra capace e l’intelligenza attiva che pure lo caratterizza.

Insieme all’argomento principale vengono fornite anche altre informazioni: l’ira è scatenata da una contesa fra Achille e Agamennone, comandante in capo della spedizione. Ma sopra gli uomini operano il «piano di Zeus» (Διὸς… βουλή, v. 5) e l’ira divina di Apollo contro gli irrispettosi Achei. Il dio sta devastando il campo con una pestilenza perché l’Atride ha mancato di rispetto a Crise, suo sacerdote. Il vecchio viene alle tende achee per chiedere la restituzione della figlia Criseide, che nella divisione del bottino di guerra è stata consegnata proprio ad Agamennone; Agamennone prima rifiuta, maltrattandolo e facendo così scatenare la malattia, e poi nei versi che seguono — chiarite le ragioni del morbo — libera Criseide, ma chiede e ottiene in cambio la schiava di Achille, Briseide. Il figlio di Peleo, irato e offeso, decide quindi di astenersi dalla battaglia, privando l’esercito degli Achei dell’eroe più forte e favorendo quindi i Troiani. Quando poi Ettore ucciderà Patroclo, l’ira di Achille sarà invece diretta contro i Troiani, specialmente contro Ettore. Così dal libro 18 ritroveremo un Achille feroce e disposto a battersi.

Nei primi versi del poema l’aedo spiega come opera l’ira del protagonista e quali sono i suoi effetti: essa procura un’infinità di ἄλγεα (v. 2), ‘dolori’, e questi dolori coincidono con il peggiore dei destini, vale a dire la morte e la caduta verso l’Ade di molte anime, mentre i loro corpi rimangono sul campo come pasto di cani e uccelli. La μῆνις finisce così per essere personificata e per diventare un soggetto agente. Un altro sentimento affine viene evocato poco dopo dal participio χολωθεὶς al v. 9 (da χολόω): Apollo è adirato contro Agamennone per i maltrattamenti subiti da Crise e la sua ira è altrettanto devastante e diffonde morte tra le file dell’esercito.»

tratto da Con parole alate. Autori, testi e contesti della letteratura greca di Andrea Rodighiero, Sabina Mazzoldi, Dino Piovan, Zanichelli editore

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link