Il Necronomicon di H.P. Lovecraft

Necronomicon, H.P. Lovecraft«Questo volume maledetto, che conduce alla pazzia o al suicidio, è un’invenzione di H.P. Lovecraft, che l’ha creato per l’universo terrorizzante dei suoi Miti di Cthulhu. Del Necronomicon, com’è ovvio, nessuno hai mai conosciuto il contenuto, perché nessuno è sopravvissuto per rivelarlo. Circolano voci insistenti che riferiscono di saperi arcani e incantesimi di stregoneria racchiusi tra le sue pagine, che permetterebbero di entrare in contatto con esseri alieni dal potere malefico, gli antichi. Scacciati dal nostro pianeta nella notte dei tempi per aver praticato la magia nera, questi esseri ora giacerebbero dormienti nello spazio, in attesa del momento opportuno per impadronirsi nuovamente del mondo che già dominavano.

Lovecraft si era divertito a scrivere una storia molto particolareggiata del Necronomicon e delle sue traduzioni, corredata da una tale abbondanza di dettagli bibliografici che alcuni lettori credettero ciecamente alla sua esistenza, e certi antiquari imbroglioni finsero di possederne un esemplare, mettendolo in vendita per gli sprovveduti. Lo scherzo bibliofilo inizia dal nome dell’autore, un presunto poeta pazzo, arabo, di nome Abdul Alhazred. In realtà si tratta di un soprannome d’infanzia dello stesso Lovecraft, ispirato dai racconti delle Mille e una notte. Alhazred è una strizzatina d’occhio all’inglese all has read, “colui che ha letto tutto”.

Offerta
Necronomicon
  • Lovecraft, Howard P. (Autore)

Nei racconti dei Miti di Cthulhu abbondano gli ammonimenti sulle funeste conseguenze provocate dalla lettura del Necronomicon. Ci avvertono che nel Medioevo, a causa dell’influsso esercitato dal libro, accaddero fatti spaventosi e il testo fu condannato dalla chiesa nel 1050. Sempre secondo la versione di Lovecraft, nonostante le maledizioni, nella Spagna del XVII secolo si stampò una traduzione in latino del libro sacrilego. Di quella edizione erano sopravvissuti quattro esemplari: uno nel British Museum, un altro nella Biblioteca nazionale di Parigi, un altro ancora a Harvard e l’ultimo nell’inesistente Miskatonic University, negli Stati Uniti, nell’altrettanto inesistente città di Arkham. Appassionati burloni di Lovecraft hanno falsificato tavole del libro per i cataloghi di diverse biblioteche del mondo, indicando Toledo come luogo di provenienza dell’edizione proibita. Ovunque venga alla luce un presunto esemplare dell’opera, si moltiplicano le richieste di prestito: a quanto pare la curiosità è più forte della paura della scia di demenza e morte che il Necronomicon lascia dietro di sé.»

tratto da Papyrus. L’infinito in un giunco. La grande avventura del libro nel mondo antico di Irene Vallejo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link