“La necessità degli apocalittici” di Geminello Alvi

La necessità degli apocalittici, Geminello AlviÈ un libro nient’affatto piano La necessità degli apocalittici di Geminello Alvi, edito da Marsilio; una prosa doviziosa lo caratterizza, a tratti bizantina, che, per ammissione diretta dell’Autore, «solo la meraviglia degli uomini miti potrà leggere […] con la calma che esso richiede.» Non un’interpretazione dell’Apocalisse, perché «come si potrebbe mai spiegare a qualcuno l’arcoba­leno, il suono di una tromba, l’odore del fuoco, la propria pochezza o che nell’Apocalisse viva ogni inestricabile dovere?» E dunque semplicemente un «diario enciclo­pedico di quanto appreso durante tanti anni leggendo e rileggendo il libro dell’Apocalisse».

Il nostro si produce in erudite dissertazioni di filologia e critica testuale neotestamentaria, a cominciare dall’attribuzione del libro: il Giovanni del quarto Vangelo o uno sconosciuto presbitero efesino? Vexata quaestio ancora irrisolta.

Offerta
La necessità degli apocalittici
  • Alvi, Geminello (Autore)

Alvi rivendica un’interpretazione teologica del testo giovanneo, contro ogni riduzione letteraria o tentazione ‘sociologizzante’, e, sulla scia di Antonio Rosmini, stigmatizza la «cattolicità in rincorsa altruista» e l’uomo che, «obbedendo all’Onu e al progresso […] si concede facoltà di stabilire il regno ideale per arbitrio, senza Dio; ma divinizzando.»

Il commento al testo apocalittico ne rivela la natura iniziatica tanto che l’Autore riconosce che «la lettura dell’Apocalisse è atto di ascesi»: la lunga teoria di «chiosatori», coi loro «commenti e vite apocalittiche» che scorre nel libro, lo testimonia. Come Sergej Nikolaevic Bulgakov, che si dedicò a scrivere, «con devo­zione totale e per molti anni, il suo commentario al libro dell’Apo­calisse» morendo però prima di poterlo finire. Tentativi di decifrare misteri insondabili, «vite [che] confermano l’urgenza degli apocalittici e la necessità dell’Apocalisse, che ci travolge all’impronunciabile», uomini «le cui esistenze sono commento dell’Apocalisse migliore di ogni altro mai scritto, essendone stati il vivente sacrificio.»

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link