“L’Agnese va a morire” di Renata Viganò

L'Agnese va a morire, Renata Viganò, riassunto, tramaIl romanzo L’Agnese va a morire di Renata Viganò, pubblicato nel 1949, è stato tradotto in quattordici lingue e valse all’autrice il Premio Viareggio nel 1949. L’opera ha avuto una trasposizione cinematografica uscita nel 1976, per la regia di Giuliano Montaldo.

L’Agnese va a morire è un romanzo di formazione a sfondo storico. La vicenda è ambientata nelle Valli di Comacchio (Ferrara) durante il periodo della Resistenza, alla quale l’autrice aveva preso parte. La narrazione procede con uno stile asciutto e scorrevole, con un susseguirsi di episodi compiuti da gente comune, analfabeta come Agnese, mentre continuano i rastrellamenti nazisti e le rappresaglie che percorrono quella parte dell’Italia ancora non liberata dagli Alleati, seminando morte e disperazione laddove si era nutrito un barlume di speranza. Molti sono i momenti in l’autrice si sofferma nel dettaglio rivelatore di stati d’animo. Il personaggio della Viganò è portavoce del valore della ribellione contro il male, l’ingiustizia e la crudeltà.

Offerta
L'Agnese va a morire
  • Viganò, Renata (Autore)

Trama

Agnese è un’anziana lavandaia, abituata al lavoro e agli stenti. Quando, dopo l’8 settembre 1943, vede bruciare la propria casa dai tedeschi e portare via il marito Palita in Germania, dove poi sarà ucciso, sceglie di unirsi ad un gruppo di partigiani, dividendo con loro delusioni e successi. Con una grossa e pesante bicicletta inizia la sua attività di staffetta, passando inosservata sotto gli occhi dei tedeschi. Costretta a fuggire dal paese per aver ucciso un soldato tedesco, si nasconde in mezzo alle paludi, prodigandosi per tutti i compagni partigiani, per i quali diventa «mamma Agnese», pronta a prestare instancabilmente la sua opera di collaborazione, a trasportare provviste, preparare cibo, alimentare il fuoco. Dopo lunghi mesi di guerra gli eventi precipitano; un gruppo di giovani partigiani viene ucciso dai tedeschi, avvisati da una spia; il dolore di Agnese è grande, ma ella non può fare altro che continuare la sua attività di staffetta, incurante della pioggia e della neve, fino a quando sarà catturata durante un rastrellamento di civili. Liberata, crede ormai di essere scampata alla morte, ma un soldato tedesco la riconosce e la colpisce ripetutamente fino a farla crollare senza vita, tra gli occhi terrorizzati della gente. Agnese resta sola, «stranamente piccola, un mucchio di stracci neri sulla neve».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link