I territori culturali in Italia. Geografia e valorizzazione turistica, Stefania ManganoProf.ssa Stefania Mangano, Lei è autrice del libro I territori culturali in Italia. Geografia e valorizzazione turistica edito da Carocci: cosa si intende per «territorio culturale»?
Il «territorio culturale» è il risultato di un’analisi congiunta di tutta una serie di variabili connesse alla domanda e all’offerta generate dal turismo culturale e dai luoghi/beni che ha permesso di definire, mediante approssimazioni successive, le aree di massima concentrazione e fruizione del patrimonio culturale italiano.
A livello operativo i territori culturali sono stati definiti a seguito della costruzione di un database a scala comunale grazie al quale è stato possibile rappresentarli sul territorio mediante la realizzazione di specifici cartogrammi contenti cluster via via più complessi. È stata pertanto realizzata una mappatura dei luoghi e dei beni culturali italiani legando variabili di tipo statistico, turistico e culturale implementando le banche dati ISTAT e MIBACT con altri dati non ufficiali ma strettamente connessi all’offerta del patrimonio culturale italiano (ad esempio Bandiere arancioni, Borghi più belli, castelli di q-Viaggi).

Come si è evoluto il concetto di bene culturale nel nostro Paese attraverso la legislazione?
Il primo provvedimento organico in materia di beni culturali si può far risalire a una legge dello Stato Pontificio all’inizio dell’Ottocento anche se si è dovuto attenere il 2004 per l’entrata in vigore del “Codice dei beni culturali e del paesaggio”. Si può pertanto affermare che il tema dei beni culturali non è certamente nuovo e che nel corso del tempo sia stato oggetto di attenzione crescente da parte del legislatore italiano (anche sulla scia di quello che a partire dagli anni Settanta stava avvenendo nel contesto internazionale) che ha via via riconosciuto la “strategicità” del settore.
La definizione di bene culturale ricade in quella più ampia di patrimonio, a sua volta suddiviso in culturale e naturale tangibile e intangibile, generato localmente e che una generazione trasmette a quella successiva con il proposito di preservare, continuare e accrescere tale eredità. Se in passato il fine quasi esclusivo della legislazione sui beni culturali era la tutela oggi è certamente necessario associare tale concetto ai termini fruizione e valorizzazione come ben specificato nei titoli I e II del Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Quale connubio esiste tra turismo e beni culturali?
È ormai ben noto come beni culturali e turismo siano oggi fenomeni sempre più complementari dal punto di vista sociale ed economico: il fatto che l’Italia abbia unito in un unico Ministero la competenza sui beni culturali e sul turismo è stato indubbiamente strategico, anche se è chiaro che la crescita del turismo non deve essere vincolata ai beni culturali benché ne rappresenti una risorsa cruciale.
È infatti importante tener presente che i beni culturali stimolano solo una parte della domanda e dell’offerta turistica: la presenza in un territorio di un consistente patrimonio storico-artistico è comunque solo una condizione necessaria, ma non sufficiente per agevolare il “consumo” culturale, rivolto non solo a turisti e/o escursionisti ma anche alla popolazione locale.

Quanto pesa il turismo culturale?
All’interno del movimento turistico complessivo, non è certamente facile riuscire a definire il peso del turismo culturale. Con buona approssimazione si può far riferimento al movimento generato da quei comuni che l’ISTAT definisce “città d’arte” o “località di interesse storico e artistico”, ovvero circa sono 350 sugli oltre 8.000 comuni italiani. Nonostante i comuni etichettati come località di interesse storico e artistico siano poco più del 4% del totale dei comuni italiani, il movimento turistico da essi generato rispetto a quello complessivo è decisamente più alto: nel 2016 ha infatti rappresentato circa il 36% degli arrivi, pari in valore assoluto a oltre 41 milioni e il 27% delle presenze (pari a oltre 109 milioni). Nel corso degli ultimi tre anni il movimento turistico generato dalle suddette località risulta in crescita: si registra un aumento di oltre il 10% in termini di arrivi e di oltre l’8% in termini di presenze.
Emerge inoltre che la componente straniera nelle città d’arte risulta preponderante rappresentando il 59,5% degli arrivi e il 60,3% delle presenze totali. Nel caso delle altre località gli stranieri rappresentano il 42,4% degli arrivi e il 45,5% delle presenze.

Qual è l’offerta dei luoghi della cultura in Italia?
Secondo i dati contenuti nel DBUnico del MIBACT all’inizio del 2018 l’offerta di beni culturali italiani è costituita da 6.378 luoghi della cultura, distribuiti con differenze, talvolta sensibili, all’interno del territorio nazionale; il Centro è il territorio che concentra la maggior percentuale di luoghi/beni della cultura (29,1%), seguito da Sud e Isole (28,9%), Nord-Ovest (23,0%) e Nord-Est (19,0%).
All’offerta ufficiale di beni/luoghi della cultura può essere sommata l’offerta dedotta da altre fonti che si ritiene abbiano o comunque possano avere un ruolo di primaria importanza; nello specifico ci si riferisce alle informazioni relative a Bandiere Arancioni; Borghi più belli di Italia; Castelli e torri; Beni ecclesiastici; Capitali italiane della Cultura. Si tratta di quei dati che insieme a quelli ufficiali hanno contribuito a definire quelli che sono stati indicati come territori culturali italiani.

Quali sinergie sono possibili tra cultura, digitale e mobile?
Le tecnologie, soprattutto quelle legate all’utilizzo della rete attraverso internet e alle applicazioni mobili, oggi dovrebbero rivestire un’importanza prioritaria nella strutturazione dell’offerta culturale. Infatti, se fino a qualche tempo fa l’utilizzo delle tecnologie digitali era considerato necessario principalmente per la catalogazione del patrimonio tangibile e intangibile e al suo monitoraggio, oggi è anche messo in relazione a un nuovo modo di proporre e fruire il patrimonio culturale. Affinché ciò avvenga è però necessario allargare la base dell’utenza sia dal lato dei promotori sia dal lato degli utilizzatori. Oggi, strumenti come siti e portali dinamici, social network, app per dispositivi mobili, ricostruzioni virtuali, realtà aumentata, ecc. sono ancora appannaggio di un numero ristretto di destinatari e nel contempo inseriti nei piani di marketing e promozione di pochi enti, non tanto per una questione di costi quanto piuttosto per la mancanza di infrastrutture di base quali ad esempio presenza continua e diffusa della rete wifi sia nelle aree centrali, sia, ancor più, in quelle periferiche. Si tratta pertanto di un importantissimo rapporto sinergico che attualmente rimane ancora poco attuato.

NON PERDERTI LE NOVITÀ!
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link