“Gesù, interrotto. Rivelare le contraddizioni nascoste nella Bibbia” di Bart D. Ehrman

Le contraddizioni dei Vangeli

Bart D. Ehrman, Vangeli«Il Vangelo di Marco indica che fu nell’ultima settimana della sua vita che Gesù “purificò il Tempio” rovesciando i tavoli dei cambiavalute e dicendo: “Questa dovrebbe essere una casa di preghiera… ma voi ne avete fatto un covo di ladri” (Marco 11), mentre secondo Giovanni questo avvenne proprio all’inizio del ministero di Gesù (Giovanni 2). Alcuni lettori hanno pensato che Gesù deve aver purificato il Tempio due volte, una all’inizio del suo ministero e una alla fine. Ma questo significherebbe che né Marco né Giovanni raccontano la “vera” storia, poiché in entrambi i resoconti egli pulisce il tempio solo una volta.

Lo stesso si può dire dei rinnegamenti di Gesù da parte di Pietro. Nel Vangelo di Marco, Gesù dice a Pietro che lo rinnegherà tre volte “prima che il gallo canti due volte”. Nel Vangelo di Matteo gli dice che sarà “prima che il gallo canti”. Ebbene, quale delle due: prima che il gallo canti una o due volte? Quando ero all’università ho acquistato un libro che si proponeva di conciliare differenze di questo tipo. […] L’autore, Johnston Cheney, prendeva i quattro racconti del Vangelo e li intrecciava in un unico grande mega-vangelo, per mostrare come fosse il vero Vangelo. Per l’incoerenza nel racconto dei rinnegamenti di Pietro, l’autore aveva una soluzione molto intelligente: Pietro rinnegò effettivamente sei volte Gesù, tre volte prima che il gallo cantasse e altre tre volte prima che cantasse due volte. Questo può anche spiegare perché Pietro nega Gesù a più di tre persone (o gruppi di persone) diverse nei vari racconti. Ma anche qui, per risolvere la tensione tra i Vangeli, l’interprete deve scrivere un proprio Vangelo, che è diverso da tutti i Vangeli che si trovano nel Nuovo Testamento. […]

Lo stesso problema si verifica nei racconti della resurrezione di Gesù. Il terzo giorno dopo la morte di Gesù, le donne vanno alla tomba per ungere il suo corpo per la sepoltura. E chi vedono lì? Vedono un uomo, come dice Marco, o due uomini (Luca), o un angelo (Matteo)? Questo viene normalmente riconciliato dicendo che le donne videro effettivamente “due angeli”. Questo può spiegare tutto il resto – perché Matteo dice che videro un angelo (menziona solo uno dei due angeli, ma non nega che ce ne fosse un secondo), perché Marco dice che era un uomo (gli angeli sembravano uomini, anche se erano angeli, e Marco ne menziona solo uno senza negare che ce ne fosse un secondo), e perché Luca dice che erano due uomini (dato che gli angeli sembravano uomini). Il problema è che questo tipo di riconciliazione richiede ancora una volta di affermare che ciò che è realmente accaduto è diverso da ciò che dicono i Vangeli – poiché nessuno dei tre racconti afferma che le donne videro “due angeli”.

Una delle mie discrepanze apparenti preferite […] si trova nel “Discorso d’addio” di Gesù, l’ultimo discorso che Gesù fa ai suoi discepoli, durante il suo ultimo pasto con loro, che occupa tutti i capitoli dal 13 al 17 del Vangelo secondo Giovanni. In Giovanni 13:36, Pietro dice a Gesù: “Signore, dove vai?”. Pochi versi dopo Tommaso dice: “Signore, non sappiamo dove vai” (Giovanni 14:5). E poi, pochi minuti dopo, allo stesso pasto, Gesù rimprovera i suoi discepoli dicendo: “Ora vado da colui che mi ha mandato, eppure nessuno di voi mi chiede: “Dove vai?”” (Giovanni 16:5). O Gesù aveva un tempo di attenzione molto breve o c’è qualcosa di strano nelle fonti di questi capitoli, creando uno strano tipo di disconnessione. […]

Ora possiamo tornare al racconto di Marco sulla morte di Gesù. Gesù e i suoi discepoli hanno fatto un pellegrinaggio a Gerusalemme per la festa della Pasqua. In Marco 14:12, i discepoli chiedono a Gesù dove devono preparare il pasto pasquale per quella sera. In altre parole, questo è il giorno della preparazione della Pasqua. Gesù dà loro delle istruzioni. Fanno i preparativi, e quando si fa sera – l’inizio del giorno della Pasqua – consumano il pasto. È davvero un pasto speciale. Gesù prende i cibi simbolici della Pasqua e li riempie di un significato ancora più simbolico. Prende il pane azzimo, lo spezza e dice: “Questo è il mio corpo”. Implicitamente, il suo corpo deve essere spezzato per la salvezza. Poi, dopo la cena, prende il calice di vino e dice: “Questo è il mio sangue dell’alleanza, che viene versato per molti” (Marco 14:22-25), intendendo che il suo stesso sangue deve essere versato. Dopo che i discepoli mangiano il pasto pasquale, vanno nel giardino del Getsemani a pregare. Giuda Iscariota porta le truppe e compie il suo atto di tradimento. Gesù viene condotto a subire un processo davanti alle autorità ebraiche. Passa la notte in prigione e la mattina seguente viene processato davanti al governatore romano, Ponzio Pilato, che lo giudica colpevole e lo condanna a morte per crocifissione. Ci viene detto che viene crocifisso quello stesso giorno, alle nove del mattino (Marco 15:25). Gesù, quindi, muore il giorno della Pasqua ebraica, la mattina dopo aver consumato il pasto pasquale.

Tutto questo è chiaro e diretto nel Vangelo di Marco, ma nonostante alcune somiglianze di base, è in contrasto con la storia raccontata nel Vangelo di Giovanni, anch’essa chiara e diretta. Anche qui, Gesù va a Gerusalemme nell’ultima settimana della sua vita per celebrare la festa della Pasqua, e anche qui c’è un ultimo pasto, un tradimento, un processo davanti a Pilato e la crocifissione. Ma è sorprendente che in Giovanni, all’inizio del racconto, a differenza di Marco, i discepoli non chiedono a Gesù dove devono “preparare la Pasqua”. Di conseguenza, egli non dà loro alcuna istruzione per la preparazione del pasto. Mangiano un’ultima cena insieme, ma in Giovanni, Gesù non dice nulla sul fatto che il pane sia il suo corpo o che la coppa rappresenti il suo sangue. Invece lava i piedi ai discepoli, una storia che non si trova in nessuno degli altri Vangeli (Giovanni 13:1-20). Dopo il pasto escono. Gesù viene tradito da Giuda, compare davanti alle autorità ebraiche, passa la notte in prigione e viene processato davanti a Ponzio Pilato, che lo trova colpevole e lo condanna ad essere crocifisso. E ci viene detto esattamente quando Pilato pronuncia la sentenza: “Era il giorno della preparazione della Pasqua; ed era circa mezzogiorno” (Giovanni 19:14). Mezzogiorno? Nel giorno della preparazione della Pasqua? Il giorno in cui gli agnelli venivano macellati? Come può essere? Nel Vangelo di Marco, Gesù visse quel giorno, fece preparare ai suoi discepoli il pasto pasquale e lo mangiò con loro prima di essere arrestato, portato in prigione per la notte, processato la mattina dopo e giustiziato alle nove del mattino del giorno della Pasqua. Ma non in Giovanni. In Giovanni, Gesù muore un giorno prima, nel giorno della preparazione della Pasqua, poco dopo mezzogiorno. […]

A volte il più piccolo pezzo di prova può dare importanti indizi su ciò che l’autore pensava stesse realmente accadendo. Non posso fare qui un’analisi completa, ma sottolineerò una caratteristica significativa del Vangelo di Giovanni – l’ultimo dei nostri Vangeli ad essere scritto, probabilmente circa venticinque anni dopo quello di Marco. Giovanni è l’unico Vangelo che indica che Gesù è “l’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”. Questo è dichiarato da Giovanni Battista proprio all’inizio della narrazione (Giovanni 1:29) e ancora sei versetti dopo (Giovanni 1:35). Perché, allora, Giovanni – il nostro ultimo Vangelo – ha cambiato il giorno e l’ora in cui Gesù è morto? Può essere perché nel Vangelo di Giovanni Gesù è l’agnello pasquale, il cui sacrificio porta la salvezza dai peccati. Esattamente come l’agnello pasquale, Gesù deve morire nel giorno (il giorno della preparazione) e nell’ora (un po’ dopo mezzogiorno), quando gli agnelli pasquali venivano macellati nel Tempio. In altre parole, Giovanni ha cambiato un dato storico per sostenere un punto teologico: Gesù è l’agnello sacrificale. E per trasmettere questo punto teologico, Giovanni ha dovuto creare una discrepanza tra il suo racconto e gli altri. […]

La nascita di Gesù
Ci sono solo due racconti della nascita di Gesù nel Nuovo Testamento, i capitoli iniziali di Matteo e di Luca. Marco e Giovanni non dicono nulla della sua nascita (la nascita virginale, il suo essere nato a Betlemme e altri elementi della storia di Natale); in Marco e Giovanni, egli appare sulla scena come un adulto. Né i dettagli della sua nascita sono menzionati da Paolo o da qualsiasi altro scrittore del Nuovo Testamento. Quello che la gente sa – o pensa di sapere – sulla storia di Natale viene quindi esclusivamente da Matteo e Luca. E la storia che viene raccontata ogni dicembre è di fatto una fusione dei racconti di questi due Vangeli, una combinazione dei dettagli di uno con i dettagli dell’altro, al fine di creare un unico grande e armonioso racconto. In realtà, i racconti stessi non sono affatto armoniosi. Non solo raccontano storie completamente diverse su come è nato Gesù, ma alcune delle differenze sembrano essere inconciliabili […]. Il modo più semplice per evidenziare le differenze tra i resoconti è riassumerli entrambi.

Offerta
Prima dei vangeli. Come i primi cristiani hanno ricordato, manipolato e inventato le storie su Gesù
  • Editore: Carocci
  • Autore: Bart D. Ehrman , Matteo Grosso
  • Collana: Le sfere
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2017

Matteo 1:18-2:23 fa così: Maria e Giuseppe sono promessi sposi quando si scopre che Maria è incinta. Giuseppe, sospettando naturalmente il peggio, progetta di divorziare da lei, ma gli viene detto in sogno che Maria ha concepito per mezzo dello Spirito Santo. Si sposano e nasce Gesù. Dei saggi arrivano dall’est, seguendo una stella che li ha condotti a Gerusalemme, dove chiedono dove nascerà il Re dei Giudei. Il re Erode si informa e viene a sapere dagli studiosi ebrei che è stato predetto che il re verrà da Betlemme. Egli informa i saggi, che procedono verso Betlemme – ancora una volta guidati dalla stella, che si ferma sulla casa dove risiede la famiglia di Gesù. I saggi gli offrono dei doni e poi, avvertiti in sogno, non tornano a informare Erode, come lui aveva chiesto, ma tornano a casa per un’altra strada. Erode, dato che lui stesso è il re, ha paura di questo nato per essere re e manda le sue truppe a massacrare ogni bambino maschio di due anni e più giovane a Betlemme e dintorni. Ma Giuseppe viene avvertito del pericolo in un sogno. Lui, Maria e Gesù fuggono dalla città prima del massacro e vanno in Egitto. Più tardi, in Egitto, Giuseppe apprende in sogno che Erode è morto e ora possono tornare. Ma quando scoprono che Archelao, il figlio di Erode, è il governatore della Giudea, decidono di non tornare indietro, ma di andare nel distretto settentrionale della Galilea, nella città di Nazareth. È qui che Gesù viene cresciuto.

Una caratteristica di Matteo che lo distingue da Luca è il modo in cui l’autore sottolinea continuamente che i vari eventi erano “per adempiere ciò che il profeta aveva detto” (Matteo 1:22, 2:6, 2:18, 2:23). Cioè, la nascita di Gesù è un adempimento delle profezie della Scrittura. Luca probabilmente non avrebbe negato questo, ma non dice nulla al riguardo. Ci sono però due punti su cui è d’accordo con Matteo: la madre di Gesù era vergine e lui è nato a Betlemme. Ma è sorprendente quanto la narrazione di Luca sia diversa da quella di Matteo nel modo in cui afferma questi due punti. La versione molto più lunga di Luca (Luca 1:4-2:40) inizia con un lungo resoconto dell’annuncio dell’angelo a una donna sterile, Elisabetta, che darà alla luce Giovanni (il Battista), che, secondo Luca, è in realtà il cugino di Gesù (Elisabetta e Maria sono parenti; Luca è l’unico scrittore del Nuovo Testamento a dirlo). Luca dice che Maria è una vergine sposata con Giuseppe. Più tardi un angelo le appare per informarla che anche lei concepirà, per mezzo dello Spirito Santo, e darà alla luce il Figlio di Dio. Ella visita Elisabetta incinta di sei mesi, il cui bambino salta nel grembo per la gioia di essere visitato dalla “madre del [Signore]”. Maria esplode poi in un canto. Giovanni Battista nasce e suo padre, Zaccaria, si lancia in una profezia. E poi arriviamo alla storia della nascita di Gesù. […]

Per quanto riguarda la documentazione storica, dovrei anche sottolineare che non c’è nessun resoconto in nessuna fonte antica di re Erode che massacri i bambini a Betlemme o nei dintorni, Betlemme o qualsiasi altro luogo. Nessun altro autore, biblico o altro, menziona l’evento. È, come il racconto di Giovanni sulla morte di Gesù, un dettaglio inventato da Matteo per dimostrare una specie di punto teologico? I problemi storici con Luca sono ancora più pronunciati. Per prima cosa, possediamo documenti relativamente buoni per il regno di Cesare Augusto, e non c’è menzione da nessuna parte in nessuno di essi di un censimento in tutto l’impero per il quale tutti dovevano registrarsi tornando alla loro casa ancestrale. E come si potrebbe anche solo immaginare una cosa del genere? Giuseppe torna a Betlemme perché il suo antenato Davide è nato lì. Ma Davide è vissuto mille anni prima di Giuseppe. Dobbiamo immaginare che tutti nell’Impero Romano fossero tenuti a tornare alle case dei loro antenati di mille anni prima? Se oggi ci fosse un nuovo censimento mondiale e ognuno di noi dovesse tornare nelle città dei suoi antenati di mille anni prima, dove andrebbe? Riuscite a immaginare lo sconvolgimento totale della vita umana che questo tipo di esodo universale richiederebbe? E potete immaginare che un tale progetto non verrebbe mai menzionato in nessun giornale? Non c’è un solo riferimento a un tale censimento in nessuna fonte antica, a parte Luca. Perché allora Luca dice che ci fu un tale censimento? La risposta può sembrarvi ovvia. Voleva che Gesù nascesse a Betlemme, anche se sapeva che veniva da Nazareth. Anche Matteo lo voleva, ma lo fece nascere lì in un modo diverso.

Le differenze tra i racconti sono abbastanza evidenti. Praticamente tutto ciò che viene detto in Matteo manca in Luca, e tutti i racconti di Luca mancano in Matteo. Matteo menziona sogni che vennero a Giuseppe che sono assenti in Luca; Luca menziona visite angeliche a Elisabetta e Maria che sono assenti in Matteo. Matteo ha i saggi, il massacro dei bambini da parte di Erode, la fuga in Egitto, la Sacra Famiglia che aggira la Giudea per tornare a Nazareth – tutto questo manca in Luca. Luca ha la nascita di Giovanni Battista, il censimento di Cesare, il viaggio a Betlemme, la mangiatoia e la locanda, i pastori, la circoncisione, la presentazione al Tempio e il ritorno e subito dopo torna a casa – tutto ciò che manca in Matteo. Ora può essere che Matteo stia semplicemente raccontando una parte della storia e che Luca stia raccontando il resto, così che siamo giustificati ogni dicembre nel combinare i due racconti in una recita di Natale dove si hanno sia i pastori che i saggi, sia il viaggio da Nazareth che la fuga in Egitto. Il problema è che quando si comincia a guardare i racconti da vicino, non ci sono solo differenze ma anche discrepanze che sembrano difficili se non impossibili da conciliare. Se i Vangeli hanno ragione sul fatto che la nascita di Gesù avvenne durante il regno di Erode, allora Luca non può avere ragione anche sul fatto che avvenne quando Quirinio era governatore della Siria. Sappiamo da una serie di altre fonti storiche, tra cui lo storico romano Tacito, lo storico ebreo Flavio Giuseppe e diverse iscrizioni antiche, che Quirinio non divenne governatore della Siria fino al 6 d.C., dieci anni dopo la morte di Erode.

Un attento confronto dei due racconti evidenzia anche discrepanze interne. Un modo per arrivare al problema è chiedere questo: Secondo Matteo, qual era la città natale di Giuseppe e Maria? La reazione naturale è dire “Nazareth”. Ma solo Luca dice questo. Matteo non dice nulla del genere. Egli menziona per la prima volta Giuseppe e Maria non in relazione a Nazareth ma a Betlemme. I saggi, che stanno seguendo una stella (presumibilmente ci è voluto del tempo), vengono ad adorare Gesù nella sua casa di Betlemme. Giuseppe e Maria evidentemente vivono lì. Non c’è nulla di una locanda e di una mangiatoia in Matteo. Inoltre, quando Erode massacra i bambini, ordina ai suoi soldati di uccidere tutti i maschi di due anni e meno. Questo deve indicare che Gesù era nato qualche tempo prima dell’arrivo dei saggi. Altrimenti l’istruzione non ha molto senso: sicuramente anche i soldati romani potrebbero riconoscere che un bambino che cammina nel parco giochi non è un neonato nato una settimana prima. Quindi Giuseppe e Maria vivono ancora a Betlemme mesi o addirittura un anno o più dopo la nascita di Gesù. Come può avere dunque ragione Luca quando dice che sono di Nazareth e sono tornati lì solo un mese o poco più dopo la nascita di Gesù? Inoltre, secondo Matteo, dopo che la famiglia fugge in Egitto e poi ritorna alla morte di Erode, inizialmente progettano di tornare in Giudea, dove si trova Betlemme. Non possono farlo, però, perché ora Archelao è il sovrano, e così si trasferiscono a Nazareth. Nel racconto di Matteo non sono originari di Nazareth ma di Betlemme. Ancora più evidente, però, è la discrepanza che riguarda gli eventi successivi alla nascita di Gesù. Se Matteo ha ragione sul fatto che la famiglia fuggì in Egitto, come può Luca avere ragione sul fatto che tornarono direttamente a Nazareth? In breve, ci sono enormi problemi con i racconti di nascita se visti da una prospettiva storica. Ci sono implausibilità storiche e discrepanze che difficilmente possono essere conciliate.

Perché queste differenze? La risposta potrebbe sembrare ovvia ad alcuni lettori. Quello che i critici storici hanno detto a lungo su questi racconti evangelici è che entrambi cercano di enfatizzare gli stessi due punti: che la madre di Gesù era vergine e che è nato in Betlemme. E perché doveva nascere a Betlemme? Matteo colpisce nel segno: c’è una profezia nel libro veterotestamentario di Michea che un salvatore sarebbe venuto da Betlemme. Cosa dovevano fare questi scrittori di vangeli con il fatto che era ampiamente noto che Gesù veniva da Nazareth? Dovevano inventarsi una narrazione che spiegasse come egli venisse da Nazareth, in Galilea, un paesino che nessuno aveva mai sentito nominare, ma che fosse nato a Betlemme, la casa del re Davide, antenato reale del Messia. Per avere Gesù nato a Betlemme ma cresciuto a Nazareth, Matteo e Luca hanno trovato indipendentemente delle soluzioni che senza dubbio hanno convinto ciascuno di loro come plausibili. […]

Dov’era Gesù il giorno dopo il suo battesimo?
In Matteo, Marco e Luca – i cosiddetti Vangeli Sinottici – Gesù, dopo il suo battesimo, se ne va nel deserto dove viene tentato dal diavolo. Marco in particolare è abbastanza chiaro sulla questione, perché afferma, dopo aver raccontato del battesimo, che Gesù partì “immediatamente” per il deserto. E Giovanni? In Giovanni non c’è nessun resoconto di Gesù tentato dal diavolo nel deserto. Il giorno dopo che Giovanni Battista ha testimoniato che lo Spirito è sceso su Gesù come una colomba al battesimo (Giovanni 1:29-34), egli vede di nuovo Gesù e lo dichiara essere l’Agnello di Dio (Giovanni è esplicito, affermando che questo è avvenuto “il giorno dopo”). Gesù inizia quindi a radunare i suoi discepoli intorno a sé (1:35-52) e si lancia nel suo ministero pubblico compiendo il miracolo di trasformare l’acqua in vino (2:1-11). Quindi dov’era Gesù il giorno dopo? Dipende da quale Vangelo si legge.[…]

I racconti della risurrezione
In nessun punto le differenze tra i Vangeli sono più chiare che nei racconti della risurrezione di Gesù. […] Ci sono moltissime differenze tra i quattro racconti, e alcune di queste differenze sono discrepanze che non possono essere facilmente (o mai) riconciliate. […] Permettetemi qui di sottolineare quanto ho affermato nel mio libro Gesù non l’ha mai detto: non abbiamo gli originali di nessuno di questi Vangeli, solo copie fatte dopo, nella maggior parte dei casi molti secoli dopo. Queste copie differiscono tutte l’una dall’altra, molto spesso nei racconti della resurrezione di Gesù. Gli studiosi devono determinare cosa dicevano gli originali sulla base di questi manoscritti successivi. In alcuni punti le decisioni sono abbastanza semplici; in altri c’è molto dibattito.

Su un aspetto in particolare dei racconti della resurrezione c’è poco dibattito: sembra che i dodici versi finali del Vangelo di Marco non siano originali ma siano stati aggiunti da uno scriba di una generazione successiva. Marco concluse il suo Vangelo a quello che ora è 16,8, con le donne che fuggono dalla tomba e non dicono a nessuno quello che hanno visto. Io accetto il consenso degli studiosi sul fatto che i versetti 16:9-21 furono un’aggiunta successiva al Vangelo. Chiarito questo dettaglio, cosa possiamo dire delle narrazioni della risurrezione nei quattro racconti canonici? Tutti e quattro i Vangeli concordano sul fatto che il terzo giorno dopo la crocifissione e la sepoltura di Gesù, Maria Maddalena andò alla tomba e la trovò vuota. Ma praticamente su ogni dettaglio non sono d’accordo. Chi andò effettivamente alla tomba? Fu Maria da sola (Giovanni 20:1)? Maria e un’altra Maria (Matteo 28:1)? Maria Maddalena, Maria madre di Giacomo e Salome (Marco 16:1)? O le donne che avevano accompagnato Gesù dalla Galilea a Gerusalemme – forse Maria Maddalena, Giovanna, Maria madre di Giacomo e “altre donne” (Luca 24:1; vedere 23:55)? La pietra era già stata rotolata via dalla tomba (come in Marco 16:4) o fu rotolata via da un angelo mentre le donne erano lì (Matteo 28:2)? Chi o cosa videro lì? Un angelo (Matteo 28:5)? Un giovane uomo (Marco 16:5)? Due uomini (Luca 24:4)? O niente e nessuno (Giovanni)? E cosa fu detto loro? Di dire ai discepoli di “andare in Galilea”, dove Gesù li incontrerà (Marco 16:7)? O di ricordare ciò che Gesù aveva detto loro “mentre era in Galilea”, che doveva morire e risorgere (Luca 24:7)? Poi, le donne dicono ai discepoli ciò che hanno visto e sentito (Matteo 28:8), o non lo dicono a nessuno (Marco 16:8)? Se lo dicono a qualcuno, a chi lo dicono? Agli undici discepoli (Matteo 28:8)? Gli undici discepoli e altre persone (Luca 24:8)? Simon Pietro e un altro discepolo senza nome (Giovanni 20:2)? Cosa fanno i discepoli in risposta? Non hanno risposta perché Gesù stesso appare loro immediatamente (Matteo 20:9)? Non credono al donne perché sembra essere “un racconto ozioso” (Luca 24:11)? O vanno alla tomba per vedere con i propri occhi (Giovanni 20:3)? […]

Un punto in particolare sembra essere inconciliabile. Nel racconto di Marco le donne sono istruite a dire ai discepoli di andare ad incontrare Gesù in Galilea, ma per paura non dicono una parola a nessuno su questo. Nella versione di Matteo ai discepoli viene detto di andare in Galilea per incontrare Gesù, e lo fanno immediatamente. Egli appare loro lì e dà loro le ultime istruzioni. Ma in Luca ai discepoli non viene detto di andare in Galilea. Viene detto loro che Gesù aveva predetto la sua resurrezione lui mentre era in Galilea (durante il suo ministero pubblico). E non lasciano mai Gerusalemme – la parte meridionale di Israele, una regione diversa dalla Galilea, al nord. Il giorno della risurrezione Gesù appare a due discepoli sulla “strada di Emmaus” (24:13-35); più tardi quel giorno questi discepoli raccontano agli altri ciò che hanno visto, e Gesù appare a tutti loro (24:36-49); poi Gesù li porta a Betania, alla periferia di Gerusalemme, dà loro le istruzioni e ascende al cielo. Nel volume successivo di Luca, Atti, ci viene detto che ai discepoli viene infatti esplicitamente detto da Gesù dopo la sua resurrezione di non lasciare Gerusalemme (Atti 1:4), ma di rimanere lì fino a quando non ricevono lo Spirito Santo il giorno di Pentecoste, cinquanta giorni dopo la Pasqua. Dopo aver dato le sue istruzioni, Gesù ascende al cielo. I discepoli rimangono a Gerusalemme fino alla venuta dello Spirito Santo (Atti 2). Ed ecco così la discrepanza: se Matteo ha ragione, che i discepoli vanno immediatamente in Galilea e vedono Gesù ascendere da lì, come può avere ragione Luca quando afferma che i discepoli rimangono a Gerusalemme tutto il tempo, vedono Gesù ascendere da lì, e lì rimangono fino al giorno di Pentecoste? […]

Cosa disse il centurione quando Gesù morì?
Anche in questo caso la risposta può sembrare ovvia, specialmente per coloro che ricordano la grande epopea biblica sul grande schermo, La più grande storia mai raccontata, e le parole immortali del centurione interpretato da John Wayne: “Veramente quest’uomo era il Figlio di Dio”. E questo è, infatti, ciò che il centurione dice nel Vangelo di Marco (15:39). Ma vale la pena notare che Luca ha cambiato le parole. Nel suo racconto il centurione dice: “In verità quest’uomo era innocente” (23,47). Ci sono sempre stati interpreti che hanno voluto insistere che si tratta della stessa cosa: certo che se è il Figlio di Dio è innocente. Ma le parole sono diverse e hanno significati diversi. Se un potenziale criminale viene dichiarato “non colpevole” dal tribunale, non è certo la stessa cosa che essere dichiarato Figlio di Dio. Il centurione ha detto entrambe le cose? Si potrebbe dire di sì se l’obiettivo fosse quello di conciliare i Vangeli, e quindi creare ancora una terza versione della scena, a differenza di Marco o Luca. Ma probabilmente è meglio considerare perché il successivo Luca potrebbe aver cambiato le parole. Per Luca era importante sottolineare che Gesù era completamente innocente delle accuse contro di lui. In Giovanni, per esempio, come in Luca, per tre volte Pilato cerca di liberare Gesù dichiarandolo innocente (a differenza di Marco). E alla fine lo fa anche il centurione. I romani sono tutti d’accordo sull’innocenza di Gesù. Chi è allora colpevole della sua morte? Non i romani, ma le autorità ebraiche, o il popolo ebraico stesso.»

tratto da Jesus, Interrupted: Revealing the Hidden Contradictions in the Bible (And Why We Don’t Know About Them) di Bart D. Ehrman

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link