“Datura” di Patrizia Cavalli

Datura, Patrizia CavalliDatura
di Patrizia Cavalli
Einaudi

Quella di Patrizia Cavalli, è «una poesia apparentemente priva di pretese, circoscritta a una piccola soggettività, a un io di donna che ama altre donne e vive pigramente la propria quotidianità, secondo il volgere meteoropatico degli stati fisici e mentali.»

 

Cosí schiava. Che roba!
Cosí barbaramente schiava. E dai!
Cosí ridicolmente schiava. Ma insomma!
Che cosa sono io?
Meccanica, legata, ubbidiente,
in schiavitú biologica e credente. Basta,
scivolo nel sonno, qui comincia
il mio libero arbitrio, qui tocca a me
decidere che cosa mi accadrà,
come sarò, quali parole dire
nel sogno che mi assegno.

 

Offerta
Poesie (1974-1992)
  • Cavalli, Patrizia (Autore)

Ostinarsi a far parlare il nulla
a cercare parole che non hanno voglia
frequentare il deserto senza voce
senza respiro, macchie di ruggine
– magari! – senza arnesi perduti
nella sabbia – magari! – un deserto
senza sabbia senza caldo senza freddo
senza scoppi di luce al buio – magari
magari! – mangiare un pezzo di pizza
– magari! – Masticare. Faccio finta. Che meraviglia
essere in vita, ci si può persino lamentare.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Non perderti le novità!
Mi iscrivo
Niente spam, promesso! Potrai comunque cancellarti in qualsiasi momento.
close-link